MICROPLASTICA NEI COSMETICI E NEI VESTITI

GEL ESFOLIANTI, CREME, MICROGRANULI NEI DENTIFRICI, SCRUB, DETERGENTI,FIBRE PLASTICHE.

Oggi parleremo di questo, cosa significa nella nostra vita utilizzare questi prodotti.

Quando li acquistiamo al supermercato sembrano “innocui”. Ma non è esattamente così.

Iniziamo parlando di prodotti cosmetici. Essendo una donna questo argomento è molto difficile, proprio perchè come tutte voi, è quasi impossibile rinunciare alla propria beauty routine. Nessuno qui vi dice di rinunciare, ma semplicemente di scegliere prodotti validi e non schifezze di plastica.

Una volta al mese utilizzo lo scrub, perchè è davvero utile per la depilazione. Lo usavo finchè non ho scoperto che è tutta micro-plastica. Non è così scontato fare mente locale su tutti i prodotti che compriamo, ma ora è necessario. Ho deciso di creare il mio scrub in casa, proponendo alimenti di scarto come ingredienti.

In modo da evitare anche sprechi alimentari. Ve lo consiglio ed è gratis!

DENTIFRICI E IGIENE DENTALE;

Di cosa è fatto il nostro dentifricio? Una domanda da un milione di Euro. Secondo la regolamentazione Europea è obbligatorio scrivere sulle confezioni dei prodotti i contenenti. C’è anche la leggenda metropolitana del segno colorato sulla fine del dentifricio, ciò dovrebbe indicarti se è naturale – medicinale – chimico ed ecc. Ovviamente non è da tenere in considerazione perchè utilizzano il colore solo per specificare dove si può tagliare il contenitore. E’ più uno strumento di marketing.

Vorrei parlarvi dei dentifrici che contengono le sfere pulenti, o i microgranuli sbiancanti o come si chiamano. Tutti quei dentifrici che contengono corpi rigidi che poi ci troviamo in bocca. E’ MICRO-PLASTICA. Purtroppo utilizzando questi prodotti inquiniamo i mari, perchè come la storia dello scarico delle lavatrici… FINISCE TUTTO IN MARE. Non si riesce a filtrare un microgranulo di plastica!!!! E va a finire che i pesci lo scambiano per plancton. Se lo mangiano, muoiono. Tutto per una scorretta informazione. Vi consiglio vivamente di andare a leggere un pò su questo argomento, oltre alle MICRO-PLASTICHE i dentifrici contengono un sacco di ingredienti di plastica, oltre il contenitore.

MICROGRANULI DEI DENTIFRICI, NEGLI USA I DENTISTI GLI TROVANO NELLE GENGIVE DEI PAZIENTI

Creme e detergenti

COSA CONTENGONO? QUAL’E’ L’IMPATTO AMBIENTALE?

Leggete le etichette, se non conoscete i componenti, fate delle mini ricerche. Io capisco che una persona normale non ha tempo e nemmeno voglia di informarsi su questi argomenti ma purtroppo è indispensabile. Stiamo parlando della salute dei consumatori e del nostro ambiente. Come già accade, la scelta delle case produttrici possiamo influenzarla anche noi, scegliendo i prodotti che nella lista degli ingredienti non contengono polietilene, nylon e affini. Anche della cosmesi non ancora regolata dalla legge. Quindi, occhio all’etichetta.

Si stima che ogni anno finiscano in mare circa otto milioni di tonnellate di plastica, come un camion carico ogni minuto. E fino a 8.600 tonnellate sono microplastiche derivate dall’uso dei cosmetici riversate nei mari europei, 24 tonnellate al giorno. Si tratta di una parte minore, ma comunque importante, dell’inquinamento da plastica. Perché, come da definizione, si parla di risciacquo, particelle inferiori ai 5 millimetri che scorrono via con l’acqua del lavandino. E buona parte sfugge anche ai filtri dei depuratori.

Come pubblicato da diverse testate giornalistiche dal 1 gennaio 2020 sarebbe stata introdotta la legge che vieta la produzione e commercializzazione di questi prodotti. Siamo al 11 Ottobre 2020 ed ancora si possono acquistare e tutt’ora vengono prodotti.

LA DIFFERENZA FACCIAMOLA NOI!

UNA COSA CHE INDOSSIAMO TUTTI I GIORNI.. I VESTITI

Bucato consapevole economico ed ecologico

UN CAPO PUO’ DISPERDERE FINO A 700 MILA MICROFIBRE PLASTICHE PER OGNI LAVAGGIO. UN LAVAGGIO MEDIO IN LAVATRICE PORTA NELLO SCARICO UN MILIONE DI MICROFIBRE PLASTICHE CHE VANNO DIRETTAMENTE IN MARE. PASSA DAL DEPURATORE MA SE UN DEPURATORE NON RIESCE A TRATTENERE UN COTTON FIOCK ? FIGURATI LE MICROFIBRE INVISIBILI ALL’OCCHIO UMANO.

Oltre a questo, bisogna avere un occhio di riguardo per i detersivi. L’unica caratteristica che deve avere è il profumo e il prezzo. NOOOOOO! il detersivo deve avere delle caratteristiche specifiche.

Tensioattivi

I tensioattivi sono gli ingredienti principali dei detersivi (ma anche dei detergenti cosmetici) e hanno la funzione di ridurre la tensione superficiale dell’acqua e legarsi allo sporco, rimuovendolo dai tessuti. Possono essere di origine petrolchimica, vegetale o mista. I detersivi ecologici contengono tensioattivi di origine vegetale ricavati dall’olio di cocco, palma o oliva e sono di facile smaltimento nell’ambiente.
In base alle loro proprietà principali (schiumogena, detergente, emulsionante, …) i tensioattivi vengono categorizzati in anionici, cationici, anfoteri e non-ionici. Ciascuna categoria comprende diverse tipologie di sostanze che sono più o meno dannose. Per questa ragione è bene sapere che, ad esempio, non tutti i tensioattivi anionici sono inquinanti e/o aggressivi per la pelle, ma fanno parte di questo gruppo sia i famosi SLES, sia saponi perfettamente biodegradabili e meno aggressivi per la pelle. Allo stesso modo tra i tensioattivi non-ionici vi sono i più delicati e anche quelli più frequentemente usati nei cosmetici destinati ai bambini, ma anche in questa categoria possono esserci sostanze più o meno irritanti ed inquinanti.
Quindi vale il solito scrupolo di leggere bene l’etichetta e informarsi sugli ingredienti in essa contenuti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: